[BES] Scopri tutti i tipi di BES: Bisogni Educativi Speciali

Puoi seguirmi su Facebook

I Bisogni Educativi Speciali

Nella scuola di oggi all’interno delle aule sono presenti numerosi bambini che rispetto agli altri necessitano di attenzioni specifiche e particolari, anche con loro va costruito un rapporto educativo.

Vi riporto di seguito alcuni esempi:

Giulia sorride spesso ed è allegra ma quando la sua maestra le chiede di leggere succede qualcosa, guarda l’insegnante e le dice che per lei le lettere sono “come piccole formiche che scappano via dal foglio”.

Muhammed è arrivato da poco in Italia da un Paese del Medio Oriente, ancora non sa parlare bene l’italiano e seduto al suo banco sembra guardarsi intorno spaurito.

Francesco invece è italiano ma non riesce a verbalizzare in maniera corretta alcune parole dimostrando di avere alcune difficoltà nell’espressione linguistica.

Roberto è un fiume in piena, le insegnanti non sanno più come contenere e “arginare” i suoi comportamenti, l’alunno resta seduto sulla propria sedia solo per poco tempo, poi si alza e inizia a disturbare i propri compagni.

Mara spesso e volentieri non vuole andare a scuola, solitamente capita che dica ai suoi genitori di aspettarla sulle scale perché prima di entrare in classe potrebbe sentirsi male e voler tornare a casa.

Che cosa hanno in comune questi 5 alunni?

Tutti vivono la scuola come un ambiente ostile, dove incontrano delle difficoltà e tutti mostrano dei Bisogni Educativi Specifici (BES) ai quali le insegnanti e la scuola tutta dovrebbero rispondere in maniera differenziata.

Questo non significa che oggi è impossibile riuscire ad arrivare in maniera efficace a tutti bambini, significa che tutti i docenti hanno il dovere morale di aggiornarsi per capire quali strategie adottare per far crescere e sviluppare in maniera opportuna anche questi alunni.

Se sei interessato ad informarti maggiormente sui BES o su altre tematiche relative all’insegnamento puoi consultare i contenuti del sito.

La Normativa

Ogni alunno, con continuità o per determinati periodi, può manifestare dei Bisogni Educativi Speciali per motivi fisici, biologici, fisiologici o anche per motivi psicologici, sociali, rispetto ai quali è necessario che le scuole offrano adeguata e personalizzata risposta. (D.M. 27/12/2012, p.1)

Commentiamo



Puoi seguirmi su Instagram

Comments 2

    1. Francesco Valeriani Post
      Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *