[EFFICACIA] Ciao Teacher, hai mai pensato a come parli in classe?

Puoi seguirmi su Facebook

LE RICERCHE SCIENTIFICHE

Verso la fine degli anni Sessanta e l’inizio degli anni Settanta, Albert Mehrabian, giunse a due conclusioni in merito alla comunicazione interpersonale: la comunicazione sarebbe costituita da tre elementi fondamentali: le parole, il tono di voce e il linguaggio del corpo. Questi tre elementi contribuirebbero alla comprensione in modi differenti. Le parole pronunciate trasmetterebbero il 7% del messaggio, il tono della voce il 38% e il linguaggio del corpo il restante 55%.

Prima di continuare nella lettura ti consiglio questi due articoli che potrebbero interessarti: Ami i tuoi allievi? Creiamo rapport con i nostri alunni, le caratteristiche degli insegnanti che raggiungono l’eccellenza.

UNA COMUNICAZIONE EFFICACE

Per comunicare efficacemente è importante mettere in gioco emozioni, sensazioni e atteggiamenti diversi, questi tre elementi però devono essere fra loro congruenti, ovvero non devono essere contrastanti.

Es. Se a parole dicessimo: “Per me è tutto ok”, nello stesso momento non potremmo mostrare uno sguardo sfuggente, in quanto trasmetterebbe il messaggio opposto.

COSA SUCCEDE QUANDO SI E’ INCONGRUENTI?

In questo caso l’interlocutore, per interpretare le intenzioni comunicative, da maggiore importanza agli elementi dominanti, ovvero quelli non verbali. L’ordine di rilevanza è quello già citato precedentemente:
– 55% il linguaggio del corpo
– 38% il tono della voce
– 7% parole

COSA FANNO LE PERSONE COERENTI?

Fanno percepire la loro presenza, quando parlano danno la sensazione di sapere ciò che stanno dicendo.

Commentiamo



Puoi seguirmi su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *